5 Cose Interessanti sul Democracy Monument di Bangkok

Il Monumento alla Democrazia è il punto focale di Ratchadamnoen Klang, un grande viale in stile europeo. È stato costruito per commemorare la storica transizione della Thailandia dalla monarchia assoluta a quella costituzionale, come indica il suo nome. Leggete l'articolo per saperne di più su questo luogo iconico

Tabella dei contenuti

Il Democracy Monument (Monumento alla Democrazia, o Anusawari Prachathipatai in thailandese) è uno dei monumenti più popolari di Bangkok. Il monumento fu eretto il 24 giugno 1939 per commemorare la Rivoluzione siamese del 1932, che trasformò la Thailandia in una monarchia costituzionale. Ci sono molte caratteristiche interessanti su questo monumento storico che potrebbero sorprendervi! Ecco cinque cose che forse non sapevate sul Monumento alla Democrazia.

1) È uno dei monumenti più grandi di Bangkok

Il Democracy Monument è uno dei monumenti più grandi della Thailandia. Anche se non è grande come altre strutture in Thailandia, il Democracy Monument è comunque una struttura imponente che domina l’ambiente circostante. Il Democracy Monument è anche a un passo da Khao San Road, dal Wat Saket e dal Palazzo Reale, il che rende facile includerlo nel vostro itinerario turistico del centro storico di Bangkok.

Democracy Monument Bangkok

2) Il progettista delle sculture era italiano

Il monumento è stato progettato da un architetto thailandese, Maeo Aphaiwong, il cui fratello era un importante membro del governo dell’epoca. Tuttavia, le sculture alla base del monumento furono create da uno scultore italiano, Corrado Feroci, che in seguito divenne cittadino thailandese con il nome di Silpa Bhirasi. Feroci era stato invitato in Thailandia dal re Rama VI per contribuire allo sviluppo dell’arte in stile occidentale nel Paese. Oltre al Monumento alla Democrazia, Feroci progettò anche altri monumenti di rilievo, tra cui il Monumento alla Vittoria e la statua di Re Rama I.

3) Il monumento è stato costruito per commemorare la rivoluzione

Lo scopo principale del Monumento alla Democrazia è quello di commemorare la rivoluzione del 1932 che pose fine alla monarchia assoluta in Thailandia. La rivoluzione fu un colpo di stato incruento che vide i leader militari e i manifestanti civili unirsi per formare una nuova monarchia costituzionale. Questo evento è considerato un punto di svolta nella storia della Thailandia ed è commemorato sia dalle iscrizioni sul monumento stesso sia nei rilievi sulla sua base, che raffigurano scene della rivoluzione.

4) I quattro pilastri rappresentano diversi rami delle forze armate thailandesi

Il punto centrale del Monumento alla Democrazia è una struttura che contiene l’immagine di due ciotole tradizionali per le offerte che reggono una scatola di manoscritti in foglie di palma. Questa contiene una rappresentazione della Costituzione del 1932. Le quattro ali circostanti, alte 24 metri, rappresentano i quattro rami delle forze armate thailandesi – esercito, marina, aeronautica e polizia – che parteciparono al colpo di Stato del 24 giugno 1932.

5) I rilievi sulla base raffigurano eventi storici

I rilievi sulla base del Monumento alla Democrazia raffigurano scene del consiglio rivoluzionario che si prepara alla rivoluzione e scene della rivoluzione stessa. Alcuni raffigurano scene di civili thailandesi comuni che sostengono il colpo di Stato sotto la protezione della polizia e dell’esercito. Da un punto di vista moderno, ciò può apparire un po’ ironico, dal momento che il monumento è stato il luogo di molte recenti manifestazioni antigovernative e ha visto frequenti scontri tra manifestanti pro-democrazia e polizia. Tuttavia, questi rilievi sono estremamente intricati e dettagliati, quindi vale la pena prendersi un po’ di tempo per ammirare questa parte del monumento mentre si è lì.

Come raggiungere il Monumento alla Democrazia a Bangkok – Mappa e trasporti

Il Monumento alla Democrazia si trova in Rajdamnoen Klang Road, nel quartiere Banglamphu di Bangkok, vicino al Palazzo Reale e al Tempio del Buddha di Smeraldo. È quindi facile includere una visita al Monumento alla Democrazia nella giornata di esplorazione di alcune delle attrazioni più popolari di Bangkok.

 

Bangkok Old Town

Non c’è una stazione del BTS Skytrain nelle vicinanze, ma se prendete la MRT, la stazione più vicina è Sam Yot sulla linea Silom. Da Sam Yot, il Monumento alla Democrazia è raggiungibile a piedi in circa 15 minuti.

È possibile raggiungere il Monumento alla Democrazia anche con un taxi o un tuk-tuk da tutte le attrazioni vicine. Basta dire all’autista che si vuole andare al Monumento alla Democrazia (o Anusawari Prachathipatai) e loro sapranno dove portarvi.

Perché visitare il Monumento alla Democrazia a Bangkok?

Sia che vogliate conoscere la storia e l’architettura della Thailandia, sia che vogliate semplicemente dare un’occhiata più da vicino alla moderna società thailandese, il Democracy Monument merita una visita. È una delle attrazioni turistiche più popolari della città e offre uno sguardo unico sulla storia e sulla cultura thailandese. Se visitate Bangkok, non dimenticate di aggiungere una visita al Monumento alla Democrazia nel vostro itinerario!

Flower Democracy Monument

Conclusione

Il Monumento alla Democrazia è una delle principali attrazioni di Bangkok. La sua intricata architettura e il suo posto nella storia thailandese lo rendono un luogo imperdibile per chiunque esplori questa affascinante città. Queste cinque curiosità forniscono un’istantanea della storia e del significato di questo simbolo. Un buon modo per visitare il Monumento alla Democrazia e allo stesso tempo esplorare altri punti di interesse è quello di prenotare con noi un tour in monopattino elettrico nel centro storico di Bangkok.

 

Condividi questo articolo:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere i nostri articoli e scoprire il meglio che Bangkok può offrire